VISITE GUIDATE alla ROCCA dei terzi

la Rocca dei Terzi è tutt'ora in ristrutturazione, l'unica parte accessibile alle visite è il Torrione quattrocentesco, tuttavia l'Amm.ne Comunale, concede aperture saltuarie

Nel cuore di Sissa si erge imponente la Rocca dei Terzi.

 

I Terzi, che nel 1329 divennero “Signori” di Sissa, fecero costruire una castello a difesa del loro territorio.

Per lungo tempo la fortezza fu teatro di tumultuosi avvenimenti, più volte danneggiato per esigenze difensive, ha conservato intatto il suo torrione (o mastio); la Torre, la più alta della bassa parmense (27 m), a dimostrazione di un passato tanto ricco di gloria, di sventure e di sangue. Dalla sua cima, nelle giornate limpide, la vista spazia dalle Alpi agli Appennini con alcuni scorci del grande fiume e dei paesi limitrofi.

Durante i secoli, la Rocca è stata un importante “ospitale” per i pellegrini in viaggio verso Roma lungo la via Francigena. Lo testimoniano i suggestivi “graffiti parietali” tardo medioevali, che si possono ammirare alle pareti della torre, testimoni del passaggio dei pellegrini.

Agli inizi dell’Ottocento l’antico fortilizio si presenta nella sua edizione definitiva: due corpi ben distinti in cui domina la torre quattrocentesca che conserva intatta la corona di caditoie e i lunghi beccatelli che rinserrano il corpo sporgente del blocco murario e profonde finestre a strombo, mentre si segnala la scomparsa del ponte levatoio (di cui rimane l'incassatura per la trave di sostegno), e il “Palazzo” che circonda la torre con chiare strutture dell'epoca settecentesca: inserimenti in cotto (finestre, fasce marcapiano, scalette, bugnati).

Sino a tutto l'Ottocento la Rocca di Sissa era accessibile frontalmente per mezzo di uno stretto ponticello in muratura.

Da Piazza Roma, “la Piazzola" per i sissesi, un altro ponticello, ortogonale al precedente, congiungeva l'abitato con la sede del dazio comunale, isolato da un muretto che con le spallette dei ponti formava un quadrilatero nettamente staccato dalla parte occidentale del paese.

Una serie di abbattimenti successivi, l'uso della rocca come sede degli uffici comunali e di aule scolastiche, hanno portato agli inizi del '900 alla costruzione di un monumentale scalone in muratura, cemento e marmiglia, dirimpetto alla nuova strada battezzata "Via della Rocca".

Gli interventi più recenti riguardano la scala laterale (facciata orientale), ricostruita in cotto e cemento negli anni Cinquanta del XX secolo, dall'architetto sissese Mario Vacca e lo scalone d'ingresso in cemento armato e legno sorto, previo abbattimento del precedente, nel 1986.

Il decorrere del tempo e il forte sisma che ha colpito l’area emiliana nel 2008 e nel 2012, hanno lasciato segni sulla Rocca, che necessitava di un importante restauro.

 

Nel novembre 2017, si è concluso il restauro del Torrione, primo tassello del recupero funzionale della Rocca dei Terzi, nell’aprile 2018 sono iniziati i lavori di restauro del Palazzo.

Visite Torrione quattrocentesco della rocca dei Terzi
Visite Torrione quattrocentesco della rocca dei Terzi

Luogo: Sissa - Sissa Trecasali

 

Le salite alla Torre, per gruppi composti da 10/12 persone, si svolgeranno

 

Sabato 23 ogni ora:

mattino ore   9,30 - 10,30 - 11,30;

pomeriggio ore 13,30 - 14,30 - 15,30 - 16,30 - 17,30.

 

Domenica 24 ogni mezz’ora:

mattino dalle   9,30 - ultima salita ore 12,00;

pomeriggio dalle 13,30 - ultima salita ore 17,30.

 

Ogni visitatore dovrà sottoscrivere una dichiarazione liberatoria e munirsi del biglietto, € 3,00, prima di effettuare la salita.La


Parrocchia San Francesco

Visite guidate alla chiesa Assunzione di Maria 

Vergine

 

Le visite alla chiesa si svolgeranno:

 

Sabato       23  -  ore  10,00   e   ore   11,00;

                        -   ore  15,00   e   ore  16,00.

Domenica  24  -   ore  10,00;

                        -   ore  15,00   e   ore  16,00.

Eventuali offerte saranno utilizzate il restauro delle cappelle